I bambini di Licinio de Almeida (Brasile)

LOCALITA':          Licinio de Almeida (Bahia, Brasile)
RESPONSABILE:   Suor Cleciana De Oliveira Silva
N° ADOTTATI:       9
NUOVE ADOZIONI: NO

 

 

   Condividi

 

 

 

Responsabile

Suor Cleciana De Oliveira Silva, referente del progetto, è una religiosa brasiliana della  Congregazione delle Ancelle del Bambino Gesù.

Il Brasile è il quinto paese al mondo per estensione. Nonostante le sue innumerevoli risorse naturali  permangono forti disuguaglianze sociali con una accentramento della ricchezza del Paese nelle mani di poche persone. Il governo sta avviando diverse politiche sociali per combattere la povertà,  ma la strada da percorrere è ancora molto lunga. 

Contesto

Licinio de Almeida è una città dello Stato di Bahia, che si trova nella parte nordorientale del Brasile. La città dista 800 km da Salvador Bahia. Ha un popolazione di circa 12.000 abitanti. E’ situata in un’area montagnosa, molto aspra e arida con poche aree coltivabili. La limitata produzione agricola (manioca, canna da zucchero e granoturco) è appena sufficiente per la sussistenza degli abitanti, senza possibilità di commercializzazione.  Negli anni ’60, molte persone sono emigrate in questa cittadina dalle aree rurali attratte dalle miniere di pietre preziose, sperando in un futuro migliore. In realtà ben presto molti rinunciarono a questo tipo di attività perché estremamente rischiosa e mal retribuita.

Oggi a causa della povertà molti emigrano verso le città più grandi. Tale fenomeno è alla base della disgregazione delle famiglie. Molti sono i minori che vivono solo con la mamma o affidati alle cure di parenti. Tanti scelgono la strada riuniti in bande di coetanei che vivono di espedienti e spesso diventano facile preda della microcriminalità (droga, prostituzione, furti).

Anche se sulla carta l’istruzione pubblica è gratuita ed obbligatoria, la qualità dell’insegnamento presenta notevoli lacune. Gli insegnanti sono mal pagati e le classi sovraffollate. Accade cosi che, pur andando a scuola, un bambino di seconda o terza elementare non sappia ancora leggere e scrivere accumulando un ritardo di apprendimento che difficilmente sarà recuperato negli anni successivi e che è alla base dell’elevato abbandono scolastico.  

Progetto di adozione

Dall’anno 2000  per provvedere all’istruzione, all’educazione e alla cura dei figli delle famiglie più povere e disagiate, le suore hanno aperto il Centro de Educação Alternativa Madre Helena che funziona da doposcuola per circa 170  bambini e ragazzi che, dalla Ia elementare in poi, frequentano la scuola pubblica. L’attività del Centro è organizzata su due turni opposti a quelli che i ragazzi  frequentano alla scuola municipale. Il primo turno comincia alle h. 8.00 con la colazione, alle h. 11.30 viene dato il pranzo e restano a scuola fino alle h. 13.00. Il secondo turno comincia alle h. 13.30 con il pranzo e termina con la cena alle  h. 16.15. Le suore si impegnano anche a fornire la divisa che è obbligatoria per i ragazzi della scuola municipale. Presso il Centro i bambini vengono seguiti nei compiti e possono svolgere attività ludico-formative (danza, canto e ricamo)  che servono ad impegnarli e tenerli lontani dalle insidie della strada. Inoltre la struttura garantisce un accompagnamento psico-sociale e corsi di alfabetizzazione alle mamme in difficoltà: vedove, separate o ragazze madri. 

Calendario scolastico: comincia a marzo e termina a dicembre. 

Visite: è possibile recarsi a Licinio de Almeida per andare a trovare i bambini.