Le adozioni a Bosa (Colombia)

LOCALITA':          Bosa (Santa Fè de Bogotà, Colombia)
RESPONSABILE:   Hermelinda Fernandez Rozo
N° ADOTTATI:       25
NUOVE ADOZIONI: NO
NEWS DAL CENTRO ADOZIONI Leggi

Clicca sulla foto per vedere l'album

 

   Condividi

 

 

Responsabile

Hermelinda Rozo Fernandez  è  una consacrata laica delle Missionarie Catechiste delle Sacra Famiglia. Da  40 anni è  impegnata in Colombia come missionaria, evangelizzatrice e operatrice sociale. Da 20 anni dirige la Fondazione Hogar Santa Teresita per l’educazione dei bambini e dei giovani  in gravi condizioni di povertà e di disagio sociale. 

Contesto

L’Hogar sorge nel barrio S. Martin, quartiere periferico di Bosa (28.000 abitanti), una località  all’estremità sud-occidentale della città di Bogotà, capitale della Colombia nel territorio della Diocesi di Soacha. S. Martin è sorto come insediamento di esuli dalle campagne o da situazioni di violenza, in modo disordinato e senza regole, creando uno stato di vulnerabilità ed un facile ingresso dell’illegalità.  Abbandono di minori, alcolismo, droga, prostituzione e abusi sessuali su donne e minori sono gli aspetti più tragici della situazione. La maggior parte delle famiglie non è in grado di soddisfare le necessità minime a causa della mancanza di risorse economiche. La disgregazione familiare, l’elevato numero di madri capofamiglia e le assillanti necessità obbligano molti bambini a lavorare nel piccolo commercio ambulante, nel riciclaggio di rifiuti o lavori pesanti.

E’ in aumento il numero di giovanissimi che vivono sulle strade. Oltre la criminalità organizzata si calcolano una trentina di bande composte di ragazzi di strada di età compresa fra 5 e 26 anni: nell’80% si tratta di maschi. Tali bande diventano  manovalanza della microcriminalità che li impiega per furti e narcotraffico.

La mancanza di lavoro e l’analfabetismo creano un circolo perverso che continua ad incrementare la povertà e il disagio sociale. 

Progetto di adozione

La fondazione Hogar Santa Teresita è sorta nel 1999  per aiutare integralmente popolazioni ad alto rischio sociale con una particolare attenzione a bambini di famiglie monoparentali e di emigrati. Il Centro fornisce  un sostegno importante di tipo  educativo, nutrizionale, formativo rivolto sia ai bambini che alle mamme.

Attraverso le adozioni a distanza l’OPAM  sostiene l’istruzione dei bambini e la formazione superiore e professionale dei giovani e svolge attività di supporto psico-sociale rivolto alle famiglie per il recupero e il reinserimento dei bambini e ragazzi di strada. 

Calendario scolastico: le scuole aprono il 15 gennaio  e terminano il15 dicembre

Visite: è possibile previ accordi recarsi a Bosa per visitare il Centro