I bambini di strada di Kisangani

LOCALITA':           Kisangani (Rep. Dem. Congo)
RESPONSABILE:   Padre Gustave Mania
N° ADOTTATI:       26
NUOVE ADOZIONI: SI
NEWS DAL CENTRO ADOZIONI Leggi

 

 

   Condividi

 

Responsabile

Padre Gustave Mania è un prete della congregazione del Sacro Cuore di Gesù (Dehoniani) della Provincia di Tshopo nella Repubblica Democratica del Congo. E' nato a Kisangani il 4 aprile 1978 ed è prete dal 22 gennaio 2012. Vive a Kisangani dove ha l'incarico di responsabile del Centro Saint Laurent che accoglie i bambini di strada e qualli con gravi problemi familiari. Il Centro è stato creato dal suo predecessore Padre Giovanni Pross che è tornato in Italia per un nuovo incarico.

Contesto

Nel 2001 P. Pross avvia un centro di accoglienza per bambini e bambine di strada utilizzando l’edificio di una vecchia officina meccanica.  I motivi per cui un bambino finisce a vivere da randagio sulla strada sono molti. Oggi sempre più la miseria, accompagnata a fenomeni sociali nuovi che stanno sradicando i valori più sacri della famiglia africana, continuano a far crescere il numero di questi bambini. Molti sono gli orfani che sono abbandonati a se stessi perché l’inurbamento ha spezzato quei vincoli di famiglia allargata che in un contesto rurale avrebbe assicurato una famiglia per loro.

Ma un altro fenomeno relativamente recente ma in preoccupante crescita è quello dei bambini stregone o “sorcier”. Si tratta di bambini che vengono considerati responsabili delle infinite disgrazie che possono colpire una famiglia che vive in miseria. Per questo vengono disconosciuti dalle famiglie e allontanati da casa. La presenza di sette religiose che fanno leva sull’ignoranza e sulla superstizione è alla base dell’acuirsi del fenomeno.

Ridonare la dignità perduta a questi ragazzi e reinserirli nella società e dove è possibile nella famiglia è il compito principale del Centro.

Per fare questo l’istruzione rappresenta uno dei pilastri fondamentali della permanenza al centro che può durare anche diversi anni. La maggior parte di questi bambini non è mai andata a scuola o lo ha fatto per pochissimo tempo.

Nel pomeriggio oltre a svolgere i compiti sono previste attività educative e pratiche, fra cui coltivare un orto che assicura legumi e ortaggi per la mensa.

Per rispondere all'esigenza di proteggere, formare e favorire la socializzazione dei ragazzi più grandi, è stata inoltre creata una scuola di avviaimento professionale per l'apprendimento di diversi mestier. sono stati avviati corsi di falegnamenria, taglio e cucito e artigianato.

Progetto di adozione

L’OPAM sostiene da tempo agli studi un gruppo di 26 bambini del Centro e attende adottanti che prendano a cuore questa realtà. Ricordiamo che trattandosi di una adozione di gruppo non sosterremo un singolo bambino ma contribuiremo al sostegno di tutti questi piccoli. Riceveremo due volte l’anno da P. Mania notizie di questi bambini, che verranno regolarmente trasmesse agli adottanti.

Sicuri che non ci farete mancare la vostra generosa partecipazione ringraziamo anticipatamente quanti risponderanno a questo appello che può cambiare totalmente la vita di questi bambini. 

Calendario scolastico: da settembre a luglio.

Visite: sì, previ accordi con l’Opam. Considerati i disagi logistici, è un viaggio che richiede adeguata preparazione.