Prog. 2173/Gennaio-Febbraio 2019

LOCALITA' : Bvumbwe (Malawi)   
DIOCESI:   Arcidiocesi di Blantyre
TITOLO: Continua il sostegno alla scuola in carcere  
COSTO:   8.664 € 
FINANZIATO

 

Clicca sulla foto per vedere l'album

 

 

 

Continua il sostegno alla scuola in carcere  

CONTESTO. Anna Tommasi, missionaria FALMI (Francescane Ausiliarie Laiche Missionarie dell'Immacolata), dal 2005, con il sostegno dell’OPAM, continua a mantenere vivo il suo progetto per l’istruzione dei ragazzi nel carcere minorile di Bvumbwe in Malawi. 

In questo Paese dove la popolazione è molto giovane, oltre il 67% ha meno di 25 anni e l’età media è di 16 anni, molti sono i poveri, le persone in gravi difficoltà, malati di AIDS, emarginati, e molti sono soprattutto gli orfani e i ragazzi che non hanno mai frequentato la scuola. Piccoli furti, risse, sono frequenti tra i ragazzi che spesso finiscono in carcere dove restano a lungo per il malfunzionamento del sistema giudiziario, per la corruzione, la povertà e le scarse risorse disponibili. Ad esclusione dei casi di omicidio, i processi in tribunale si svolgono senza un difensore. Così, poter frequentare una scuola durante la reclusione rappresenta la sola possibilità per questi giovani di ricevere un'istruzione che li aiuti a crescere e trovare le condizioni per il proprio riscatto: uscire dal carcere con il diploma di terza media o scuola superiore può fare la differenza! Gli sforzi e l’impegno di Anna Tommasi per educare i detenuti del carcere minorile, la maggior parte dei quali non ha finito la terza elementare, sono sostenuti da tempo dagli amici dell’OPAM, confortati dai risultati positivi del lavoro svolto nella scuola come testimonia il suo direttore: “…La nostra scuola ha raggiunto obiettivi importanti ottenendo una buona media a livello nazionale anche agli esami di stato. Con gioia vediamo un nostro ex-studente, frequentare corsi di specializzazione al Politecnico di Blantyre… La scuola cresce, nascono nuove iniziative, abbiamo una falegnameria, un allevamento, laboratori di edilizia, lo sport, attività che sono parte del processo di riabilitazione e di preparazione dei ragazzi alla nuova vita che li attende all’uscita dal carcere.”

PROGETTO. La scuola, che non ha contributi statali, segue i programmi ministeriali dalla prima elementare alla maturità ed è sede di esami anche per i ragazzi di un altro carcere giovanile, l’OPAM la sostiene contribuendo a pagare lo stipendio degli insegnanti. E Anna Tommasi chiede ancora aiuto ai benefattori dell’OPAM per un contributo di 8.664 € per lo stipendio di un anno degli 11 insegnanti esterni che prestano la loro opera nel carcere giovanile di Bvumbwe. Gli stessi insegnanti, nel ringraziare gli amici dell’OPAM di quanto hanno fatto e stanno facendo per dare un sostegno a loro e alla loro scuola, scrivono: “Il vostro appoggio ha totalmente cambiato Bvumbwe e i frutti del vostro aiuto per la scuola sono innumerevoli. Bvumbwe è diventato un modello per altri carceri minorili e noi possiamo continuare a perseguire l’obiettivo di aiutare i ragazzi del carcere a cambiare vita attraverso l’istruzione e a diventare cittadini responsabili del Malawi. Il vostro sostegno ha contribuito anche a migliorare le condizioni di lavoro per noi insegnanti e quindi anche la qualità del nostro servizio educativo come dimostrano gli ottimi risultati conseguiti dai nostri ragazzi agli esami di stato. Il nostro ruolo educativo va oltre il lavoro a scuola. Cerchiamo infatti di seguire i ragazzi che, usciti dal carcere, stanno completando gli studi nei loro villaggi. Andiamo a trovarli a casa periodicamente e ogni trimestre verifichiamo il loro profitto scolastico. Grazie a voi inoltre nelle nostre case ora c’è pace e gioia. La sicurezza di uno stipendio a fine mese ci permette di vivere più serenamente, di far fronte alle necessità quotidiane delle nostre famiglie e di sostenere i costi per la scuola dei nostri figli. La nostra preghiera è che continuiate ad assisterci perché insieme possiamo continuare questa importante missione di trasformare il futuro dei nostri ragazzi.”